mantra-benefici

I Mantra sono tra le formule più comunemente utilizzate durante la meditazione e anche tra le più potenti. La pratica della meditazione mantra si trova in molte tradizioni e pratiche di meditazione del mondo.
In questo articolo, vogliamo esplorare le diverse tecniche di meditazione che impiegano i mantra; vedremo come scegliere un mantra, perché queste formule sono così potenti e quali sono i diversi livelli e sottigliezze nel loro utilizzo.
L’argomento del mantra e delle pratiche correlate è uno studio vasto e complesso all’interno dell’Induismo, dello Yoga e del Buddhismo. Cercheremo di darvi una panoramica il più ampia possibile della meditazione mantra, con un approccio pragmatico. Che tu sia agnostico o con una mentalità spirituale, questo articolo mira a fornirti qualche consiglio importante, da seguire durante per la tua pratica.

Innanzitutto, iniziamo con una definizione di mantra. Mantra è una parola sanscrita che deriva da due radici: man (che significa “mente” o “pensare”) e trai, che significa “proteggere”, “liberare da” o “strumento”. Pertanto, i mantra costituiscono dei veri e propri strumenti della mente (o strumenti per liberare la mente).

Alcuni mantra hanno un significato letterale e possono essere tradotti, ma la maggior parte di essi, secondo la tradizione, detengono un certo valore principalmente grazie alla qualità del loro suono. Alcuni sono mantra corti a una sillaba, mentre altri sono lunghi e composti da molte parole.

Cos’è la Meditazione Mantra?

come funziona la meditazione mantra

Come funziona la meditazione mantra?

Il mantra può essere recitato oppure semplicemente ascoltato. A volte viene ripetuto velocemente, mentre altre volte lentamente; a volte viene ripetuto da solo e altre volte in relazione a determinati sentimenti, Chakra, visualizzazioni o concetti astratti.

Qual è lo scopo del mantra durante la meditazione?

Innanzitutto, il mantra funziona come un oggetto per la messa a fuoco. È un “giocattolo” che consente di tenere occupata la mente e permetterle di diventare più calma e centrata. In questo senso, funziona proprio come quando ci si concentra sul respiro o su qualsiasi altro oggetto di meditazione. In secondo luogo, il mantra è uno strumento per la trasformazione della coscienza – questo aspetto della meditazione mantra è leggermente più esoterico del solito, quindi potrebbe non piacere a tutti i lettori. L’insegnamento è che ogni suono, nonché ogni vibrazione, ha una certa qualità ed è in grado di produrre diversi stati mentali e di coscienza, se ripetuto per un lungo periodo di tempo.

I vantaggi della meditazione mantra: il potere trasformativo del suono.

potere del suono

Potresti chiederti: “Cosa c’è di così speciale nel ripetere una parola? Perché il mantra è considerato un potente strumento per la meditazione?”.

Ricorda che il suono è vibrazione e tutte le cellule del tuo corpo vibrano. Tutto, nell’universo, vibra e ogni cosa ha il proprio ritmo. Anche i tuoi pensieri e sentimenti sono, in effetti, vibrazioni che risuonano nel tuo corpo e nella tua coscienza.
Alcuni “schemi” sonori influenzano l’acqua che hai in corpo, la secrezione di ormoni, la percezione, il comportamento ed il benessere psicologico.

Considerata in questo modo, la tua mente – la tua psiche – è una raccolta di schemi, ciascuno che vibra ad una determinata frequenza, velocità e volume. Ciò che i mistici e gli yogi di un tempo hanno scoperto è che sostenendo a lungo una particolare vibrazione del suono, la natura della mente e del corpo può essere in qualche modo trasformata.

Tutto ciò può essere usato a tuo vantaggio per modificare i tuoi stati emotivi: ad esempio, per superare l’ansia, alleviare il dolore, risollevare l’umore ecc. Oppure, può anche essere usato per accedere ad uno stato di coscienza più profondo, per controllare la mente ed entrare nel samadhi.

Qualsiasi musicista o regista saprà parlarti del potere che il suono ha di evocare stati d’animo, pensieri ed emozioni. Se ascoltare una canzone può cambiare il tuo umore e persino aiutare a guarire il tuo corpo, immagina il potere di programmare un suono specifico nella tua mente, ripetendolo migliaia di volte, con cura e attenzione!

“Suono, ritmo e linguaggio hanno effetti profondi sul corpo, sui pensieri e sulle emozioni. La meditazione mantra utilizza questi tre elementi con lo scopo di purificare, pacificare e trasformare la mente e il cuore.”

Strumento della Mente

Pertanto, il mantra, essendo uno strumento della mente, può aiutarti a creare profondi cambiamenti sia nel tuo corpo che nella tua psiche, dando vita a stati di coscienza alterati. La meditazione mantra è un metodo che implica la rotazione della coscienza attorno ad un suono, che viene amplificato per ottenere il massimo effetto. Nella tradizione contemplativa dello Yoga, si dice spesso che la meditazione mantra sia il metodo più semplice e sicuro.

E a quanto pare, il mantra può anche calmare chi sta vivendo un momento di crisi nella propria vita…

Il Mantra come Sostituto del Pensiero

mantra come sostituto del pensiero

In qualsiasi momento, la nostra attenzione può soffermarsi su un solo oggetto. Anche quando diciamo di essere multitasking, ciò che stiamo effettivamente facendo è cambiare il focus della nostra attenzione molto rapidamente, motivo per cui il multitasking è faticoso e inefficace.

Per quanto riguarda la meditazione, l’implicazione è piuttosto semplice: in qualunque momento in cui stai prestando la massima attenzione al mantra, non sei disturbato da altri pensieri, ricordi o sensazioni. Se sei in grado di mettere insieme continuamente la fine di una ripetizione di un mantra con l’inizio della successiva, rimarrai in quel bellissimo stato di concentrazione per tutta la durata della tua pratica meditativa.

Un mantra sostituisce 10.000 pensieri diversi con un solo unico pensiero: un pensiero che dà pace e consapevolezza. Un pensiero che ti consente di raccogliere la tua attenzione dispersa e di unificarla, potenziandola il più possibile.

Naturalmente, il processo di meditazione impiegato in questo caso è lo stesso anche per quanto riguarda la respirazione o una visualizzazione. Il vantaggio con un mantra, tuttavia, è che ignora facilmente il linguaggio mentale, che è la forma predominante di pensiero cosciente per la maggior parte delle persone. Un altro vantaggio è che la natura ritmica del mantra aiuta a scavalcare quelle fastidiose canzoni che, a volte, risuonano continuamente nella nostra mente durante la meditazione.

Questo articolo potrà aiutarti a capire come in alcuni casi il canto del mantra migliora la concentrazione, il benessere e la resilienza agli input negativi.

Mantra per la meditazione: come sceglierne uno?

meditazione mantra scegliere quale

Decidere quale mantra usare dipende innanzitutto dal tuo approccio alla meditazione, che sia laico o spirituale. Tale approccio influirà anche sui risultati ottenuti con la pratica.

Alcuni mantra, tuttavia, sono abbastanza universali e possono essere utilizzati con entrambi gli approcci. Ne sono un esempio i mantra derivati dal Sanscrito “OM” e “HAM”.

Approccio secolare

un approccio secolare

Secondo questo approccio, la meditazione viene vista come uno strumento, un esercizio progettato per migliorare la salute, le prestazioni, il rilassamento e la crescita personale. Chi segue questo approccio non crede necessariamente in nulla di spirituale – che si tratti di Dio, illuminazione, anima o vita dopo la morte; o forse un po’ ci crede, ma mantiene comunque il desiderio di lasciare separate la pratica di meditazione dall’aspetto spirituale.

In questo caso, puoi scegliere un mantra dalla tua lingua madre. Può essere una parola o una breve frase che porta un messaggio che vuoi infondere nella tua psiche.

Ecco alcune linee guida da poter seguire per scegliere una parola adatta:

  • Il significato deve essere la cosa più importante. Scegli una parola o una frase che rappresenti qualcosa che desideri sviluppare di più in te stesso – qualcosa con cui vorresti connetterti maggiormente. Potrebbe essere amore, pace, libertà, consapevolezza, luce, coraggio, ecc…;
  • Il suono della parola “deve parlarti”. L’unico modo per rendersene conto è ripetere il suono per alcuni minuti e osservare come ci si senti prima e dopo le ripetizioni;
  • Evita le parole che hanno significati dubbi o possibili connotazioni negative.

Puoi provare diversi mantra prima di decidere quale ti parla di più, in base al significato e al suono. Ad esempio, se ne vuoi uno per l’ansia, potresti divertirti a lavorare con l’OM, il quale ha solitamente un effetto calmante.

Una volta scelto, è meglio usare sempre lo stesso mantra se si vogliono ottenere dei risultati reali.

Approccio spirituale

mantra approccio spirituale

Se mediti con un obiettivo o uno scopo spirituale in mente, scegliere un mantra sarà un’operazione un po’ diversa. Considera che ogni parola contiene la sua “energia”, che si è impregnata in essa attraverso il modo in cui è stata usata ripetutamente da altre persone. Quindi, ha senso raccogliere un mantra tradizionale – una parola o un suono che è stato usato per secoli dai ricercatori spirituali, con atteggiamenti e intenzione nobili.
In questo caso, ha poco senso tradurre un mantra. È molto meglio usare la parola originale nella lingua in cui è stata concepita o scoperta (di solito sanscrito, pali, ebraico, aramaico o tibetano). Inoltre, anche la pronuncia e l’intonazione corretta del mantra sono molto importanti, poiché mirano a replicare una specifica vibrazione del suono.

Il primo passo è quindi decidere quale tradizione e tradizione spirituale ti parlano di più (se non sei sicuro, questo articolo può essere un buon inizio). Una volta che sei riuscito a capire con cosa “risuoni” meglio, allora puoi:

– Trovare un insegnante/maestro di quella tradizione – qualcuno che rispetti, a cui poter chiedere suggerimenti per scegliere un mantra. A seconda della tradizione, un maestro avrà praticato mantra molto diversi tra loro, conoscerà il tipo di vibrazione di ciascuno di essi e sarà in grado di selezionarne uno in base ad obiettivi e temperamenti specifici;

– Ricerca i mantra utilizzati in quel particolare percorso, provane ciascuno per alcuni giorni e poi seleziona quello che ti dà più di quello che stai cercando.
Quando ripeti un mantra come pratica spirituale, prova a contemplare simultaneamente il significato o lo stato rappresentato da quel mantra. In un certo senso, questo è ciò che rende la meditazione del mantra più di una gloriosa pratica di affermazione.

Il mantra è come una password, una chiave d’accesso ad un certo stato di coscienza o principio universale che vuoi sperimentare.

In questo approccio, si consiglia di mantenere segreto il mantra. Anche se è un mantra che è possibile trovare su Internet e che migliaia di persone praticano. La ragione per mantenerlo segreto è semplice: tutto ciò che è sacro dovrebbe essere segreto. Tratta il tuo mantra come sacro, quindi come fosse un segreto, e i suoi effetti sulla tua coscienza andranno sicuramente più in profondità.

Progressi e livelli

Progressi e LivelliPiù ripetiamo il nostro mantra e più si “magnetizza”. Per quelli composti da una sola sillaba, si dice che dopo le 125.000 ripetizioni ottengano “una vita propria”. A forza di lavorarci sopra con concentrazione costante, il mantra “si carica”; alla fine, diventerà il tuo pensiero più potente e ti consentirà davvero di fare affidamento su di esso per avere un po’ di pace.

Una volta che il tuo mantra prende davvero lo slancio, la ripetizione diventa sempre più semplice. È quasi come se, ogni volta, “accedessimo” al mantra per poi farlo continuare da solo, facendoci trasportare in un silenzio interiore.

Tradizionalmente, la pratica si svolge in questo modo:

  • Recitazione verbale: il mantra viene ripetuto ad alta voce. Nel farlo, i tuoi sensi vengono maggiormente coinvolti, rendendo più semplice mantenere la tua attenzione focalizzata.
  • Sussurrare: le labbra e la lingua si muovono, ma non si sente quasi alcun suono. Questa pratica è più sottile e profonda della recitazione verbale.
  • Recitazione mentale: ripeti il ​​mantra solo ed esclusivamente nella tua mente. All’inizio potrà esserci naturalmente qualche movimento della lingua e nella gola; ma con il tempo anche questi movimenti cessano e la pratica diventa puramente mentale. Questo stadio è ciò che le persone tipicamente associano alla meditazione mantra.
  • Ascolto spontaneo: a questo punto non stai più davvero ripetendo il mantra, ma è il mantra stesso che continua a ripetersi da solo nella tua mente; lo fa spontaneamente, per tutto il tempo della pratica. Adesso non c’è più bisogno di preoccuparsi del volume, della velocità, ecc. – basta ascoltare le ripetizioni. Questo livello si chiama ajapa japa ed è una meditazione silenziosa del mantra.

Come puoi notare, c’è una progressione che si fa sempre più sottile. L’errore comune, che alcune persone commettono, è voler saltare i livelli ed iniziare direttamente solo con la ripetizione mentale o con la ripetizione spontanea. Si tratta dell’inizio di un percorso molto ripido che non rispetta la progressione passo-passo descritta sopra.

Anche se non ti piace la recitazione verbale e vuoi andare direttamente al livello mentale, ti consigliamo almeno di fare qualche giro di ripetizione sussurrata all’inizio. Ciò ti aiuterà a focalizzare la tua mente sul mantra molto più facilmente.

Tecniche di Meditazione Mantra

Tecniche di meditazione mantra

Il mantra può essere combinato con altre pratiche, come la visualizzazione, la concentrazione su un Chakra, la devozione, ecc. La prima tecnica che vogliamo spiegarvi può essere praticata con un approccio puramente secolare/agnostico; le altre, invece, hanno alcuni elementi spirituali in essi.

Meditazione Mantra

Le seguenti linee guida formano la base della meditazione mantra e sono applicabili anche a tutte le altre pratiche.

Posizione

Per la meditazione del mantra formale, bisogna adottare una posizione da seduti.
Per la pratica informale, invece, puoi ripetere il mantra a mente, ad occhi aperti, mentre svolgi altre attività quotidiane. Si tratta di un ottimo modo per aiutarti ad applicare la meditazione nella tua vita quotidiana.

Velocità

Cantare il mantra suscita un certo grado di eccitazione. Cantarlo lentamente, invece, calma la mente. Se lo fai troppo velocemente o troppo lentamente, diventerà un processo automatico e la tua mente rimarrà a vagare nei pensieri oppure si addormenterà.

La velocità con cui reciti il ​​mantra varierà anche a seconda della lunghezza di esso. Quelli più brevi, che vanno da una a tre sillabe, vengono spesso ripetuti più lentamente dei mantra composti da intere frasi. Poiché si tratta di un aspetto specifico, è meglio seguire i suggerimenti forniti da un insegnante. In assenza di uno, puoi sperimentare diverse velocità di ripetizione e vedere quale ti piace di più.

La ripetizione rapida del mantra produce onde gamma nel cervello; ripetendolo lentamente, invece, si producono onde theta. Ripetere il mantra rapidamente o ripeterlo lentamente conduce comunque ad uno stato di silenzio, sebbene il “gusto” di quel silenzio sia diverso a seconda del caso. In ogni caso, è meglio mantenere una velocità uniforme di ripetizione, piuttosto che cambiarla più volte durante la stessa sessione.

i benefici della recitazione dei mantra

Volume e forza

Se la tua mente è molto rumorosa, potresti voler “alzare il volume” della ripetizione del tuo mantra, in modo da sentirlo “più forte” e “più spesso”. Se non fai così, potresti perdere la concentrazione e i tuoi pensieri voleranno per la tangente.

Man mano che la tua mente si calma, il mantra, da spesso, diventa “più sottile e più basso”, come un suono ad alta frequenza che riesci a malapena a percepire. La parola stessa quasi si perde e il mantra sembra più una vibrazione che un suono vero e proprio. Se riesci a far accadere tutto ciò in modo naturale, lascia che sia così. Ma se vedi che stai perdendo la presa sul mantra e ti sembra di dimenticarlo, allora è meglio riportarlo ad un livello in cui puoi stargli dietro più facilmente.

Respirazione

È possibile sincronizzare il mantra con la respirazione (oppure no). Alcune opzioni per farlo sono:
inalare ed espirare. Se il tuo mantra è molto corto, come ad esempio l’OM, puoi ripeterlo una volta mentre inspiri e ancora una volta quando espiri. Oppure, puoi aumentare la velocità e ripeterlo tre volte quando inali aria e tre volte quando espiri. Se il tuo mantra è particolarmente lungo, puoi ripeterne una prima parte mentre inali e la seconda metà mentre espiri. Oppure, puoi ripeterlo solo quando espiri. Prova ad inspirare senza emettere alcun suono e ripeti il ​​mantra quando espiri.

Infine, puoi ripeterlo indipendentemente dalla respirazione. Concentrati solo sul mantra, senza prestare attenzione al respiro. Con il tempo, la respirazione tende a sincronizzarsi naturalmente con il ritmo del mantra.

meditazione mantra la mente, lago in thailandia

Mente

Che tu stia recitando il mantra o che semplicemente lo stia ascoltando, il compito della mente è quello di prestare attivamente attenzione ad ogni ripetizione. Lascia che ogni ripetizione sia fresca, nuova, piena di vita e consapevolezza.

Cerca di unire completamente la tua mente con il mantra: diventa tutt’uno con esso. Lascia che ogni centimetro della tua attenzione sia coinvolta con esso. Un modo per facilitare il tutto è quello di attingere alla propria sensibilità durante la pratica – metterci un po’ di cura, curiosità, riverenza, gratitudine o qualunque cosa abbia senso per quel particolare mantra.

Pensa al mantra come ad una stazione radio e alla tua mente come all’antenna. Il problema con questa antenna, tuttavia, è che mantiene la frequenza autonomamente. Il nostro obiettivo è mantenere questa antenna in sincronia con il mantra. Dopo qualche tempo noterai che, mentre potrebbe esserci uno strato di pensiero in corso, c’è anche uno strato di mantra ad un livello più profondo nella tua mente. Cerca di spostare la tua consapevolezza su quel livello più profondo. Abita lì.

Infine, non forzare la tua mente: ciò crea tensione, che non favorisce di certo la meditazione. Il compito è semplicemente quello di mantenere la consapevolezza del mantra, momento dopo momento, senza essere pesante. È una consapevolezza continua e rilassata.

Il Mantra nello Yoga: Chakra, Pranayama, Kundalini

mantra nello Yoga Chakra Pranayama Kundalini

Nella tradizione contemplativa dello Yoga, ci sono molti percorsi che usano la Meditazione Mantra. In queste pratiche, la ripetizione del mantra è solitamente connessa alla respirazione, a visualizzazioni e contemplazioni specifiche, e ai Chakra.

I Chakra

laya-tantra-yogaIn alcune tradizioni (Kundalini Yoga, Laya Yoga e Tantra Yoga) esiste la consuetudine di recitare un mantra focalizzando la mente su dei Chakra specifici. Ecco i 7 Chakra principali con i loro mantra associati (la pronuncia è quella tra parentesi):

Il nome tecnico per questa meditazione è chakra mantra dharana.

Un altro modo è usare semplicemente il tuo mantra preferito e, mentre lo ripeti, focalizzare l’attenzione sul Chakra del Terzo Occhio o del Cuore, come se il mantra avesse origine da lì. Ciò ti consentirà di aggiungere una dimensione spaziale alla meditazione, coinvolgendo così più di uno dei tuoi sensi.

La respirazione Pranayama 

Laya-Yoga-Tantra

Nello Hatha Yoga, nel Tantra e in altre scuole di Yoga, esiste anche la pratica di sincronizzare il mantra a specifici schemi respiratori. Ecco alcuni esempi di mantra yoga:

Mantra A-HAM (“Io sono”): ripeti “A” per inalazione e “HAM” per espirazione.

Mantra SO-HAM: ripeti “SO” quando inspiri e “HAM” quando espiri, spostando la tua attenzione su e giù per la colonna vertebrale.

SOHAM – HAMSA: inspira attraverso la narice sinistra ripetendo “SO”, poi espira attraverso la narice destra ripetendo “HAM”. Sulla via del ritorno, inspira attraverso la narice destra ripetendo “HAM” ed espira attraverso quella sinistra ripetendo “SA”. È come se fosse un ciclo – cerca di praticare almeno 10 cicli.

Ci sono anche altre pratiche più elaborate, ma se preferisci la semplicità, queste faranno al caso tuo.

Rituali e visualizzazione

Nella scuola del Mantra Yoga viene impiegato un uso elaborato dei mantra, con visualizzazioni e rituali. Questo tema va ben oltre lo scopo di questo articolo.

Contemplazione

Contemplazione mantra

Nel Vedanta (Jnana Yoga) vengono usati dei mantra che incapsulano alcune verità spirituale. Queste sono chiamate “Mahavakya”, o grandi detti. I principali sono:

  • Aham Brahmasmi (“Io sono Brahman”)
  • Tat Vam Asi (“Tu sei quello”)
  • Sarvam khalvidam brahman (“Tutto è Brahman”)

In questa pratica, l’obiettivo principale è la contemplazione del significato del mantra, piuttosto che la semplice ripetizione di parole o suoni. L’obiettivo è sviluppare la saggezza, rafforzando la comprensione e l’intuizione.

l’intuizione.

Scrittura del mantra (likhita japa)

Questa pratica coinvolge più sensi e pratiche: scrivere il mantra, vedere il mantra, parlare il mantra, ascoltare il mantra. Ecco alcune linee guida di base:

  • Metti da parte un taccuino e una matita/penna di buona qualità, da utilizzare solo ai fini di questa pratica;
  • Durante l’intera sessione, scrivi il mantra su carta, ripetendolo anche nella tua mente, ad alta voce o sussurrandolo;
  • Per intensificare l’esercizio, prova a scrivere il più piccolo e il più pulito possibile. Ciò richiederà più concentrazione;
  • Fissa gli occhi sul tuo taccuino e non allontanarli finché non hai completato la sessione.

Meditazione della divinità – Tantra e percorsi devozionali

In entrambi questi percorsi, la meditazione del mantra viene talvolta eseguita ad occhi aperti, tenendo conto del numero di ripetizioni per mezzo di una collana di 108 perle (detta mala).

I Mantra nella Meditazione Tantrica

Tantra

Il vero Tantra, così come è stato sviluppato in India e nel Buddhismo tibetano, è molto diverso dal tantra commercializzato in Occidente, che ha solo lo scopo di migliorare la pratica sessuale.

Nella Meditazione Tantrica tradizionale, una pratica spirituale fondamentale è la Deity Yoga. L’obiettivo di questa pratica è sperimentare uno stato di comunione con certe forze universali della natura, personificate come divinità e dee, risvegliando in questo modo intuizioni e qualità spirituali nella coscienza del praticante. (Gli psicologi junghiani considererebbero queste divinità come archetipi dell’inconscio collettivo.)

A tal fine, il mantra diventa il veicolo essenziale. Nel Tantra, il mantra non è una preghiera e nemmeno il nome della divinità, ma la forma sonora di quella divinità. Una volta che riusciamo a connetterci con il potere del mantra, la vibrazione della nostra mente diventa collegata ad una mente più grande, che vibra a sua volta.

Nel Tantra (indù o buddista), mentre ripete il mantra, il praticante può seguire anche una o più delle seguenti pratiche:

  • Visualizzare la forma della divinità scelta;
  • Contemplare gli attributi di quella divinità (come, ad esempio, il potere, la bellezza, la saggezza, ecc.);
  • Osservare un’immagine o un simbolo (yantra) di quella divinità, proprio come nel trataka;
  • Coltivare sentimenti di riverenza, devozione, timore reverenziale o resa alla divinità;
  • Sviluppare un atteggiamento per identificarti con la divinità avvicinata attraverso il mantra.

Esempi di mantra tantrici sono i famosi shakti bijas: Aim, Hrim, Shrim, Halim, Krim, Klim, Strim, Hum, Sauh, ecc.

mantra nella meditazione tantrica, il volto di budda

Mantra Japa nel Bhakti Yoga

Nello “Yoga della devozione” (Bhakti Yoga), il mantra usato è il nome del Divino nella forma e nell’aspetto che più preferisci. Il praticante ripete quel nome, o una breve preghiera contenente quel nome, costantemente, con un sentimento di devozione.

La natura dei mantra dipenderà dalla divinità scelta. Ecco alcuni esempi di mantra indù, suddivisi a seconda delle divinità che abitano il pantheon indù:

  • Shiva -> Om Namah Shivaya
  • Vishnu -> Om Namo Bhagavate Vasudevaya
  • Ganesh -> Om Gam Ganapataye Namaha
  • Saraswati -> Om Aim Mahasarasvatyai Namah

Altre tradizioni

Meditazione del mantra buddista

meditazione-buddismo

Sebbene il respiro sia usato universalmente in tutte le pratiche, nel Buddhismo il potere del mantra viene riconosciuto come strumento essenziale per focalizzare la mente.

Nel Buddhismo Theravada, il canto di alcuni mantra è usato come aiuto per la concentrazione, specialmente da parte dei laici. Il venerabile Ajahn Sumedho, ad esempio, raccomanda il mantra Buddho, suggerendo di recitare “Bud” mentre inspiriamo e “-dho” mentre espiriamo, in modo che la mente sia occupata con il mantra per l’intero ciclo del respiro.

Nel Buddhismo Mahayana, invece, i mantra sono cantati in relazione alle diverse forme di Buddha. La pratica del canto – sebbene non sia esattamente la stessa della meditazione mantra – si trova anche nella maggior parte delle tradizioni buddiste, incluso lo Zen.

Per i buddisti Nichiren, la recitazione del mantra Nam Myōh Renge Kyō costituisce la loro principale pratica spirituale.

Il Buddhismo tibetano usa ampiamente i mantra.

Ecco un elenco di Mantra Buddisti utilizzati per la meditazione:

  • Pali Mantras
    • Sabbe satta sukhi hontu
    • Om shanti shanti shanti
    • Buddho
    • Buddham saranam gacchami. Dhammam saranam gacchami. Sangham saranam gacchami.
  • Mantra sanscrito
    • Gate gate paragate parasamgate bodhi svaha
    • Om Mani Padme Hum
    • Om Tare Tuttare Ture Svaha
  • Cinese
    • Namo Amituofo

Meditazione cristiana mantra

mantra nella meditazione cristiana contemporanea

La pratica della Preghiera contemplativa, nota anche come meditazione cristiana, ha gli stessi meccanismi della meditazione mantra. Viene scelta una parola sacra della tradizione cristiana, che viene poi ripetuta con sentimenti di devozione.

Ecco alcuni esempi di mantra cristiani: Signore, Padre, Gesù, Maria, Abba, Misericordia, Amore o maranatha (aramaico per “Vieni, Signore!”).

Vale la pena notare che questo stile di Meditazione Cristiana è stato creato dal monaco benedettino irlandese John Main, il quale imparò la meditazione del mantra da uno swami indù mentre prestava servizio in Malesia.

Meditazione Sufi Mantra

Nel sufismo, il termine che sta per mantra è Zikr (o Dhikr). L’aspetto essenziale di questa pratica è il continuo ricordo di Dio, in genere ripetendo Allah (Dio), Allah Ho (Dio è) o La Illalahu (“Dio è Dio”).

C’è un famoso detto Sufi che allude al più alto livello della pratica del mantra (la ripetizione spontanea): “Prima sei tu a fare lo Zikr, poi è lo Zikr a fare te”.

Scopri di più sulla meditazione Sufi qui.

Meditazione Trascendentale

Meditazione-Trascendentale

La Meditazione Trascendentale è forse la forma più famosa di meditazione mantra al di fuori dell’India. Nonostante tutti i loro sforzi di marketing nel differenziare le due pratiche, la Meditazione Trascendentale è fondamentalmente una meditazione mantra.

Vi risparmiamo ciò che la narrativa ufficiale ha da dire al riguardo, preferendo passare direttamente ad alcuni argomenti che non sono stati ampiamente discussi:

  • Come accennato, la tecnica di Meditazione Trascendentale è essenzialmente quella della meditazione mantra, che può essere appresa gratuitamente o attraverso un buon libro;
  • I mantra trascritti sui libri non sono unici e universali per ogni studente, ma sono dati in base al genere e alla fascia d’età. Ecco l’elenco dei mantra per la Meditazione Trascendentale;
  • I loro mantra non sono “suoni insignificanti”, ma nomi tantrici di divinità vediche.
  • La Meditazione Trascendentale si presenta come laica, ma ha profonde radici spirituali. Da qui la cerimonia di iniziazione e la discendenza di alcuni guru.
  • Spesso dicono che la tecnica per la Meditazione Trascendentale non comporta alcuno sforzo. Tuttavia, come discusso in precedenza, abbandonare ogni sforzo e solo ascoltare il mantra è qualcosa che possiamo fare efficacemente solo dopo un lungo periodo di allenamento in cui abbiamo ripetutamente intenzionalmente il mantra, con consapevolezza e concentrazione. Saltando questo passaggio e andando direttamente alla ripetizione spontanea, raggiungerai presto uno stato di stallo nella tua pratica e non sarai in grado di sviluppare livelli di concentrazione più profondi che portano al samadhi.

Esploreremo questi elementi in modo più dettagliato in questa risposta Quora e in questo video.

Il lato positivo della Meditazione Trascendentale è che sta aiutando davvero molte persone a iniziare una solida pratica di meditazione, che si sta ampiamente commercializzando. Se pratichi Meditazione Trascendentale e ritieni che sia un bene per te, non lasciare che la sua popolarità ti demotivi – continua in ogni caso con la pratica.

i mantra per la meditazione trascendentale, sassi sul ruscello

Pensieri di partenza

La nostra intenzione con questo articolo era duplice:

  • Darti una panoramica dell’ampiezza e della profondità della meditazione mantra nelle diverse tradizioni;
  • Condividere istruzioni pratiche sulla meditazione mantra, le sue variazioni e i diversi livelli di pratica.

Se sei riuscito a leggere tutto, ben fatto! Scommetto che ora hai una conoscenza più approfondita della meditazione mantra.

Se non hai ancora mai praticato niente del genere e sei confuso sul dove cominciare, ti consiglio di selezionare un mantra (secolare o spirituale) e iniziare a praticarlo secondo le istruzioni di base sotto la voce “Meditazione Mantra” che abbiamo descritto sopra.