filosofia e meditazione zen

Le religioni e le filosofie orientali hanno sempre incantato l’Occidente. Negli ultimi anni, tramite un riscoperto interesse e l’uso dei media come fonte di informazione, lo scambio culturale tra Oriente e Occidente è più vivo che mai. Uno degli aspetti più interessanti del buddismo giapponese tradizionale è la meditazione Zen. Questo ha un background religioso, ma anche benefici per la salute fisica.

significato di zen

Con questo nome è nota una delle scuole buddiste più importanti al mondo. Nel buddismo, infatti, ci sono diverse scuole, tutte accomunate dalle stesse fondamenta: il pensiero di Buddha. Ecco perché, per differenziarsi, ognuno mostra maggiormente le proprie caratteristiche; con sostanziali differenze sia nella teoria che nella pratica.

La scuola buddista Zen è una delle più popolari in Giappone. Il suo obiettivo principale è quello di concentrarsi sulla meditazione, che è considerata il modo principale per raggiungere l’illuminazione.

Cos’è la meditazione Zen?

persona che corre per rilassarsi

In qualsiasi scuola buddista, la meditazione è uno degli strumenti principali, in quanto è l’unico modo per raggiungere l’Illuminazione. L’Illuminazione, è lo stato di piena coscienza, in cui scompare l’ignoranza e si raggiunge il nirvana, uno stato di assenza di desiderio e sofferenza. È qui che entrano in gioco le differenze tra una scuola buddista e una scuola di meditazione Zen.

Il tipo di meditazione Zen è caratterizzato dal voler sopprimere tutto ciò che non è necessario. Durante la pratica Zen, il rumore che confonde la nostra mente si calma ed essa si concentra con maggiore capacità sul processo di meditazione. In termini concreti, si eliminano le distrazioni. Questo rende lo Zen molto simile al minimalismo: entrambe le filosofie comprendono la necessità di eliminare il superfluo per concentrarsi su ciò che conta. Ma con approcci e obiettivi diversi.

La ricerca del Satori è uno degli elementi più importanti della meditazione Zen, ed essa, avverrà sempre al di fuori delle distrazioni che tentano di inficiare qualsiasi tipo di meditazione.

Ma cos’è il Satori? Questa parola giapponese può essere tradotta come Illuminazione. Il concetto di Satori è più profondo del modo in cui l’Illuminazione è compresa in altre scuole buddiste. Il Satori è un’esperienza spirituale difficile da definire a parole.

Coloro che hanno raggiunto il Satori, lo descrivono come uno stato di piena consapevolezza e illuminazione. Inoltre, la non conoscenza e le divisioni del mondo fisico scompaiono del tutto. Raggiungere questo stato di piena consapevolezza può essere molto difficile; ci sono monaci Zen che hanno condotto una vita nel Satori, altri che non ci sono mai riusciti.

Di cosa ho bisogno per la meditazione Zen?

essere zen

Per questa pratica è necessario trovare uno spazio piacevole e tranquillo. Devi usare un cuscino, poiché la meditazione sarà fatta da seduto.

Siediti e mettiti comodo; per questo primo passaggio è bene che tu sappia come meditare seduto. Quindi conoscere la posizione del loto, ossia con il piede sinistro posizionato sulla coscia della gamba destra e viceversa. Se non dovessi riuscirci, perché questa non è una posizione facile in cui mettersi, basta che tu riesca ad incrociare le gambe in modo convenzionale.

La testa e la schiena devono essere dritte, cerca di rendere la posizione il più confortevole possibile. Evitare qualsiasi tensione nel collo. Questi sono alcuni dei passi più importanti che dovresti prendere in considerazione per sentirti a tuo agio durante la meditazione.

Respira profondamente e chiudi gli occhi, è probabile che la tua mente inizi a distrarsi ripetutamente. La tua risposta sarà concentrarti direttamente sulla respirazione. Verrà un tempo in cui ti immergerai completamente nella calma del respiro.

L’ideale sarebbe creare una routine; ogni giorno con sessioni di 20 minuti.

Includendo la meditazione Zen nella tua giornata otterrai meravigliosi benefici che ti guideranno su un percorso di vita migliore.

Principi della meditazione Zen

i principi immagini budda

La filosofia Zen è molto ricca di principi e alcune delle basi che propone sono aspetti che puoi applicare alle tue meditazioni:

Vivi nel qui nell’ora

Implica che il presente è tutto. Il passato è qualcosa che è successo, che non può toccarti e non dovrebbe interessarti. Il futuro è solo una visione indefinita, qualcosa che non è accaduto e non è certo.

Presta attenzione alle tue azioni

Quando fai qualsiasi attività, dal lavoro, all’esercizio fisico o a qualsiasi altra faccenda. Concentra la tua mente su ciò che fai. Questa può essere considerata come un’estensione del qui e ora.

Sii fedele a ciò che senti

Il buddismo Zen indica che il cuore è un compagno saggio; è il primo a sentire di avere bisogno di un cambiamento. Farai meglio a prepararti a cambiare la tua vita. Le tue emozioni e sentimenti indicano i più grandi desideri del tuo essere. Sii fedeli a chi sei, solo allora sarai proiettato in avanti.

Autostima e onore

Ricorda: sei la persona più importante nella tua vita. Se non ti ami profondamente, non sarai in grado di vedere le meraviglie che l’universo fornirà. Per il buddismo, in ogni aspetto della tua vita devi avere fiducia in te stesso e puro amore personale, sei grande.

Lascia andare

È importante nella filosofia Zen e in ogni caso è un aspetto che dovresti considerare per ogni situazione della tua vita. Quando ti aggrappi a qualcosa irrazionalmente e con tutto te stesso, che sia un oggetto, un ricordo o una persona, e per qualche motivo lo perdi, la tua vita sarà sprecata in rimpianti.

Agisci sempre onestamente

Agendo onestamente per te stesso, sarai in grado di capire quando non puoi eseguire un’azione. Conoscere i tuoi limiti è utile e se sei onesto con gli altri, le tue relazioni avranno una natura sana e reale.

Come inserire la meditazione Zen nel tuo quotidiano

cosa significa l'essenza zen

Nel caso in cui non si sappia che la meditazione Zen è un ramo del buddismo, viene spesso usata la parola “Zazen“, che significa sedersi in meditazione. Il focus di questa pratica è di trascendere la dualità, cioè il giudizio del bene o del male, del giusto e dello sbagliato; questi, sono aspetti intrinseci di una cosa; la sua dualità è unificata nel suo insieme.

Puoi praticare la meditazione Zen durante tua giornata. Qui ti diremo come assumere questa routine e a cosa serve farlo.

Negli anni ’60, furono condotti diversi studi in Giappone per capire quale potesse essere la postura più appropriata per la meditazione. Hanno concluso che la più antica postura Zen, che ha più di 2.500 anni, è quella ideale per la meditazione. È importante perché ti porterà ad ottenere lo stato di coscienza di te stesso.

Non è necessario far parte della religione, né avere determinate credenze specifiche, perché è una prospettiva secolare. Inoltre non hai bisogno di qualità o di un modo di vedere le cose: ciò che devi avere è soltanto la curiosità e l’apertura mentale, per sfruttare al meglio il tuo potenziale e agire nel tuo benessere.

Tutti possono assumere nella propria routine la pratica Zen: lavorando sulla posizione, sulla respirazione e sulla consapevolezza del momento presente.

Sebbene le tecniche siano molto varie, poggiano tutte sulle stesse basi. Queste basi sono ciò che si deve esercitare nella meditazione Zen, come in altre tecniche. Con il tuo sforzo e la tua attenzione noterai quanto sarà facile per te praticare la meditazione Zen nella tua vita quotidiana.

La Meditazione Zen nella tua vita

Simboli dello zen

Molti non usufruiscono dei benefici della meditazione perché considerano questa pratica come qualcosa che non è alla loro portata. Pensano, inoltre, di avere poca possibilità o tempi per iniziare la pratica.

Ma non è così: chiunque abbia volontà e impegno può farlo.

All’inizio sarà complicato a causa della mancanza di abitudine, ma basterà esercitarsi ripetutamente per renderla sempre più naturale.

Inizia con brevi spazi di tempo: 5, 10 o 15 minuti. Quando inizi, determina quanto tempo starai, senza che questo sia troppo oppure troppo poco.

Quando lo farai, saprai che il tempo che hai scelto di provare, sarà il più conveniente per iniziare e lo applicherai nelle meditazioni Zen che ti mostrerò in seguito.

Non dev’essere un martirio o un sacrificio, ma un cammino naturale.

Non è necessario prefiggerti l’obiettivo di farlo ogni giorno, ma se riesci, puoi cominciare anche con due o tre giorni alla settimana. Senza scuse, inizia un impegno con te stesso. In questo modo, eserciterai la responsabilità, la tua salute e il tuo benessere.

Scopri di cosa ha bisogno il tuo corpo in ogni momento: è il momento per imparare ad ascoltarlo e ad occupartene. Praticando e conoscendo molto bene cos’è la meditazione Zen, sarai in grado di identificare quali sono i tuoi bisogni fisici e ad essere consapevole di te stesso.

Accetta che devi cambiare e prova finché non trovi il modo in cui farlo.

3 tecniche di meditazione Zen

le tecniche di meditazione zen piu diffuse

Lavora sul respiro

Per praticare lo Zen devi adottare una postura comoda come quella dei birmani, del mezzo loto o la posizione di Seiza durante lo zazen. E’ consigliabile sedersi su un tappetino o su un cuscino, ma puoi anche sederti su una sedia. La coscienza sarà diretta verso un determinato oggetto di meditazione, di solito nell’osservare la respirazione. In particolare, si osserva come l’aria si muove dentro e fuori dalla zona addominale. Questo metodo incoraggia un senso permanente di presenza e consapevolezza.

Coscienza silenziosa

Questa forma di meditazione non ha come punto focale la respirazione. I meditatori impareranno a garantire ai propri pensieri un naturale flusso nelle loro menti, senza giudicare i pensieri o rifiutarli. I giapponesi chiamano questa pratica shikantaza o “stare semplicemente seduto”. Questa tecnica di meditazione buddista è eseguita senza alcuno scopo di meditazione, senza ancore e senza specifici contenuti.

Gli insegnamenti indicano che non c’è un obiettivo. Il meditatore “giace” e lascia che la sua mente faccia lo stesso. È importante che si comprenda che lo zazen non è un mezzo per raggiungere un fine: è il fine.

Meditazione di gruppo intensiva

I meditatori che hanno preso sul serio questo aspetto, spesso eseguono una rigorosa meditazione di gruppo nei centri di meditazione o nei templi. I giapponesi chiamano questa pratica sesshin. In questo periodo di meditazione pura ed esclusiva, i praticanti trascorreranno la maggior parte del loro tempo seduti in meditazione.

Ogni sessione dura da mezz’ora a 50 minuti, alternata a meditazione camminata, brevi pause e pasti. Questi ultimi sono presi in silenzio come parte della pratica, di solito con ciotole Oryoki.

Tipi di meditazione Zen

persona che guarda l'oceano

Esistono tante tecniche di meditazione, ma solo due tipi di meditazione Zen e hanno le seguenti caratteristiche che le contraddistinguono:

Meditazione Zen con Koan

Con questo tipo di meditazione viene eseguita usando il koan, esso è una specie di indovinello o paradosso. Questo, diventa la base per la meditazione e porta a una comprensione profonda. Esempi noti di koan sono “se non capisci, le cose sono come sono. Se non capisci, le cose sono come sono” oppure “qual è il suono di una sola mano che applaude?”

La chiave della domanda è che chi medita, avrà i suoi pensieri intrappolati in un discorso razionale, al quale non può trovare il soluzione.

Meditazione Zen della liberazione del pensiero

Per liberare il pensiero, il più comune metodo è sicuramente quello che si concentra sulla postura del corpo e sulla respirazione, insieme alla posizione del loto.

L’attenzione persistente, ma calma, verrà mantenuta perché verrà liberato il pensiero. Cioè, non si deve né pensare né smettere di pensare, ma lasciare che questo semplicemente accada. Non combattere per passare da un pensiero ad un altro, ma farli passare, non perdendocisi in loro.

Benefici della meditazione Zen

Scimmia in thailandia

La meditazione Zen ha molti benefici per la salute che vanno oltre al piano spirituale dell’essere umano. Sono stati condotti vari studi e molti di loro si sono dedicati all’analisi di ciò che accade al cervello quando entra in uno stato di meditazione. I risultati di questi esperimenti hanno concluso che la pratica della meditazione Zen, su base regolare, contribuisce a un migliore stato di salute in generale.

Questo, si esprime in fattori psicologici, come una maggiore capacità di concentrazione, di gestire le relazioni umane e situazioni di stress. Si ottengono buoni risultati nel trattamento di malattie come la depressione, insieme ad un significativo miglioramento delle capacità di autocontrollo e di gestione delle emozioni.

La pratica della meditazione Zen porta anche a benefici fisici, come un grosso miglioramento della salute cardiovascolare. Aumenta l’energia e migliora il processo digestivo.

Questo non dovrebbe stupirci più di tanto, perché l’essere umano, nonostante sia costituito da diverse parti, funziona come un elemento unico sempre in relazione con se stesso.

In questo modo, il miglioramento dello stato psicologico, agisce in maniera diretta sullo stato fisico, tanto che i benefici della meditazione Zen sono apprezzati in una dimensione olistica in cui tutte le parti sono collegate tra loro.

Se hai intenzione di iniziare a meditare e hai scelto quella Zen, nonostante tu possa anche agire in autonomia, è consigliabile iniziare con l’aiuto di un insegnante. Una persona esperta in meditazione ti guiderà con più consapevolezza sui tuoi primi passi in questa pratica, come nella conoscenza primaria della pratica Zen. In pratica, avrai in questo modo gli strumenti necessari per farlo efficacemente.